sabato 14 dicembre 2019

scritto da .

Gir. A. - Pontevomano e Atl. Morro D'Oro provano la fuga, il Notaresco c'è

A destra Ibou Ndiaye del Mutignano A destra Ibou Ndiaye del Mutignano

L'Atletico Morro D'Oro ed il Pontevomano provano la fuga ed approfittano delle frenate di Castellalto, Cerchio e Sant'Omero. Unica formazione a tenere il passo delle due di testa è il Notaresco del patron D'Alessandro.

Al "Savini"  di Notaresco va in scena l'ennesimo Letta show, il sonoro 3-0 sul Tossicia permette ai rossoblù di staccarsi dal gruppone delle squadre inseguitrici e di instaurarsi al terzo posto solitario. Non ripete la positiva prova di settimana scorsa il Tossicia che dopo aver servito un poker all'ambizioso Sant'Omero torna dalla trasferta notareschina con un pesante passivo sul groppone. Partita ben giocata dai padroni di casa che soffrono però la reazione degli ospiti nella seconda frazione.

Vince e rispetta le previsioni il Pontevomano, battuto 3-0 il fanalino di coda Balsorano, Fasciocco apre le danze nella prima frazione, Ciannelli e Salvi le chiudono nella seconda metà di gara. Non cambia quindi il distacco dalla capolista Morro D'Oro.

Il Cerchio prima subisce e poi reagisce. Il Fontanelle giunge al Tofani di Cerchio determinato di dover vendicare la sconfitta dell'andata. Succede tutto nella prima frazione, al doppio vantagio ospite firmato Andreone risponde l'uno due di casa targato Pompili e Mancini i quali nel giro di cinque minuti recuperano il passivo di due reti.

Cade in quel di Poggio Barisciano il Castellalto. Quella che poteva inizialmente sembrare una trasferta agevole per la neo promossa, complici anche le pesanti squalifiche di Onesti, Solomakha ed Annunziata per i padroni di casa, si è rivelata un'altra partita da dimenticare. Ottimo e vincente l'esordio di candido Di felice sulla panchina blaugrana.

Anche per il Castellalto così come per il Cerchio l'obiettivo salvezza resta comunque un obiettivo tranquillamente alla portata. 

Nell'altro scontro al vertice il Sant'Omero non va oltre l'1-1 contro l'ostico Mosciano di mister Andrea Natali. Al vantaggio di casa risponde a cinque dalla fine il neo entrato Balducci il quale aiutato da uno svarione dell'estremo di casa Ayoubi permette  al Mosciano strappare un punto d'oro in casa dei vibratiani.

Nessun vincitore neanche nello scontro salvezza tra Cologna, malato di pariggite, e il Castelnuovo. Alla rete dei padroni di casa firmata Ettorre risponde allo scadere quella di Reginelli. Un pareggio quello di ieri che sa tanto di beffa in casa Cologna specialmente se arrivato a partita praticamente conclusa.

Il Real Carsoli si riscopre grande e si aggiudica lo scontro diretto contro il San Gregorio. Cocker e Ferrari sbloccano una partita praticamente inchiodata sullo 0-0 nei primi quarantacinque minuti. "Prima o poi dovevamo venir fuori, questa è una squadra forte e quello che finora ci è mancato è la continuità" è stato questo il primo commento post gara del patron di casa Renzo Di Virgilio.

Sorpasso importante anche in casa Mutignano. Il team allestito dal presidente Francesco Palma è ora a metà del proprio cammino che vede la salvezza come primo ed unico obiettivo stagionale. I 25 punti finora totalizzati non possono far di certo dormire sonni tranquilli ai biancoblù, i quali vincendo ieri sul Controguerra si sono però assicurati un'importante successo su una diretta concorrente. Ibou Ndiaye il match winner.




© riproduzione riservata