domenica 17 novembre 2019

scritto da .

Terza Categoria B. Giammario Di Nicola, una vittoria alla faccia di chi ci ha voluto male

Terza Categoria B. Giammario Di Nicola, una vittoria alla faccia di chi ci ha voluto male Terza Categoria B. Giammario Di Nicola, una vittoria alla faccia di chi ci ha voluto male

Abbiamo ascoltato anche un'altro artefice della promozione biancazzurra in Seconda Categoria, il direttore sportivo Giammario Di Nicola, che, euforico del risultato conseguito dalla squadra ha anche deciso di togliersi qualche sassolino dalla scarpa che perdurava da troppo tempo.

" Provo un'emozione davvero indescrivibile per raccontarvi ciò che la squadra è stata capace di fare in questa magnifica stagione sportiva, era dai tempi della Valle del Giovenco che non si respirava aria di festa in città e Domenica c'è stata da parte di tutti" esordisce Di Nicola, il quale in seguito punta il dito verso chi in questa stagione ha dimostrato  di non essere poi così sportivo.

"La nostra vittoria è stata poi ancora più bella perchè avvenuta al fotofinish di una stagione difficile, una vittoria che ha visibilmente dato fastidio a qualcuno, mi riferisco al Deportivo Luco i quali hanno avuto anche il coraggio di dire che sono stati al comando da inizio stagione. Ma va bene così le chiacchiere le porta via il vento, i fatti sono quelli che restano.

Sicuramente continueremo a festeggiare in maniera più intima senza però tralasciare il fatto che la stagione non è ancora finita, abbiamo da conquistare un'altra finale contro la vincitrice del girone A, il San Francesco Calcio, al quale faccio i miei complimenti per la vittoria conseguita.

Ringrazio infine i nostri fedelissimi 30 tifosi che ci hanno supportato per tutta la stagione dentro e fuori da Pescina, non dimentico poi gli altri 250 che Domenica erano presenti a festeggiare con noi al Barbati, ringrazio anche voi della redazione sportiva di Atuttocalcio per la serietà e professionalità con la quale avete dimostrato di saper lavorare al contrario di quanto ne pensino altre persone".




© riproduzione riservata