sabato 24 agosto 2019

Prima Categoria

scritto da .

Prima Categoria B. Aggredito l'arbitro ed il padre/Carabiniere scende in campo

Prima Categoria B. Aggredito l'arbitro ed il padre/Carabiniere scende in campo Prima Categoria B. Aggredito l'arbitro ed il padre/Carabiniere scende in campo

Ancora un episodio di violen­za sui campi di calcio dilettantistici. Nel girone B di Prima Categoria l’arbitro Yuri Buonpensa della sezione di Pescara ha sospeso a dieci minuti dalla fine la partita tra Monteodorisio e Real San Gia­como perché colpito da Cesare Mirolli, giocatore della formazione locale, che era sta­to appena espulso per proteste, lo si apprende dall’articolo di Giammarco Giardini.

E’ il presidente del Real San Giaco­mo, Aleandro Giacomucci, a ri­costruire i fatti sulle colonne del “Il Centro”: “L’arbitro ha estratto il rosso diretto al giocatore del Monte­odorisio e questi gli ha tirato uno schiaffo”, racconta Giacomucci, “dagli spalti, poi, un si­gnore ha inveito contro Mirolli scatenando il parapiglia anche tra i tifosi locali che forse non si erano accorti di nulla e non capivano perché qualcuno se la stesse prendendo con un giocatore della loro squadra”. Con il passare dei minuti si è capito che quel signore in realtà non era solo un carabiniere in borghese  ma anche il padre dell’arbitro. “Il direttore di gara lo ha fatto en­trare in campo per sedare gli animi dicendo che era solo un carabiniere», continua il presi­dente del Real San Giacomo, come riportato da Il Centro “e, dopo aver sospeso la parti­ta, i due si sono chiusi nello spogliatoio attendendo l’arri­vo di tre pattuglie delle forze dell'ordine. Ma la situazione era già tornata nella normalità e nessuno ha tentato di aggre­dire né l’arbitro né il padre.” Alla fine il direttore di gara è uscito scortata del padre e delle forze dell’ordine. Probabilmente il giudi­ce sportivo darà la par­tita persa a tavolino al Monteodorisio ed un pesante squalifica al giocatore reo di condotto violenta. Con estremo rammarico, ancora una volta il lunedì, non si parla solo di sport ma di aggressione e partite sospese. Che tristezza.




© riproduzione riservata