venerdì 30 ottobre 2020

scritto da .

Pubblico negli stadi abruzzesi, ci siamo. Oggi l’ordinanza di Marsilio

Pubblico negli stadi abruzzesi, ci siamo. Oggi l’ordinanza di Marsilio Pubblico negli stadi abruzzesi, ci siamo. Oggi l’ordinanza di Marsilio

Dovrebbe arrivare oggi il via libera agli spettatori agli eventi sportivi da parte della Regione Abruzzo.

Come riporta il Centro, infatti, il presidente Marsilio dovrebbe varare in giornata una ordinanza per riaprire al pubblico tutti gli impianti sportivi, all'aperto e al chiuso, in occasione delle gare ufficiali di ogni disciplina e categoria.

Il pubblico sarà consentito esclusivamente negli impianti sportivi dove è possibile assicurare posti a sedere da preassegnare ai singoli spettatori per l'intera durata dell'evento e per una  capienza massima di spettatori che dovrebbe essere di mille spettatori per gli impianti all’aperto e di settecento per gli impianti al chiuso, ovviamente in base alla capienza degli spazi individuati per assicurare il distanziamento interpersonale di almeno un metro, nuclei familiari compresi.

L'ordinanza dovrebbe prevedere anche delle deroghe rispetto ai limiti sopra indicati, nel senso che chi vorrà superare queste soglie dovrà formulare una richiesta mediante appositi piani operativi gestionali da sottoporre al settore Sanità della Regione e al Comitato tecnico scientifico regionale.

Gli spettatori non potranno assistere agli eventi in piedi, avranno l'obbligo di occupare solo il posto loro assegnato e di indossare la mascherina. L'ordinanza inoltre dovrebbe prevedere l’uso delle tecnologie digitali per prenotazione e pagamento dei biglietti.

A società e soggetti gestori degli impianti il dovere di attivare un apposito servizio per il controllo del rispetto di tali misure. A fine evento l'uscita degli spettatori dovrà avvenire a scaglioni attraverso una scaletta diffusa dallo speaker e dovrà essere assicurato un numero sufficiente di varchi per evitare assembramenti. Vietati, infine, striscioni e bandiere.




© riproduzione riservata