Sunday 05 April 2020

scritto da .

Il Matelica con la doppietta di Peroni va a - 3 dal Notaresco

Il Matelica con la doppietta di Peroni va a - 3 dal Notaresco Il Matelica con la doppietta di Peroni va a - 3 dal Notaresco

La Sangiustese è costretta ad inchinarsi ad un volitivo Matelica, che con il successo odierno si porta a tre punti dalla capolista Notaresco.

Una prodezza del classe 2000 Peroni al 10’ pt, dopo un buon avvio da parte dei padroni di casa, imprimeva la svolta all’incontro, rompendo l’equilibrio. Il raddoppio, dopo una manciata di minuti della ripresa, portava ancora la firma del numero 7 ospite, servito in questa occasione da Leonetti.

Un derby per il resto equilibrato con i rossoblù alla ricerca di preziosi punti salvezza costretti a vedersela con una delle formazioni più in forma del campionato, in scia positiva da 12 turni. Tanti gli indisponibili e gli acciaccati per l’esordio in pectore sulla panchina della Sangiustese di mister Roscioli (Proesmans ancora non al meglio e tenuto precauzionalmente a riposo, Mingiano, Basconi, Mengoni, Dell’Aquila, Orazzo e Boschetti ai box), che però poteva contare su due nuovi innesti di spessore, di certo utili per il prosieguo della stagione, come Esposito e Palumbo, arrivati nello scorso fine settimana. Coppia avanzata Buonaventura – Bardeggia con Guadagno alle spalle, centrocampo a tre con Pandolfi ed Ercoli ai lati dell’ex di giornata Bambozzi, tandem difensivo con il rientrante Scognamiglio insieme a capitan Patrizi, sostenuti da Zannini e Fabbri, a protezione di Chiodini. Questi gli undici scelti per il fischio d’inizio di una gara che si annunciava proibitiva e che la realtà ha confermato.

Pur senza strafare, i biancorossi di Colavitto (pur senza gli squalificati Croce e De Santis) hanno fatto valere la propria legge, approfittando nei primi 45’ anche del favore di vento, fattore che al Polisportivo non si può mai sottovalutare. Dopo la serpentina vincente di Peroni in avvio, infatti, in più occasione il Matelica aveva sfiorato il raddoppio, senza però riuscirci. Pioveva sul bagnato invece nella ripresa, con mister Roscioli che provava a raddrizzare l’incontro anche grazie ai cambi, ma veniva freddato prima dal raddoppio ancora di un ispirato Peroni e poi dalla tegola Chiodini, costretto a uscire al 10’ per infortunio e sostituito tra i pali da Raccio. Poche per il resto le emozioni nella ripresa, nonostante le tante sostituzioni, utili anche a mettere minuti nelle gambe dei nuovi arrivati, e gli spazi più larghi. Il cinico team matelicese incamerava la posta piena, ai locali restava ancora una volta l’amaro in bocca.

La Sangiustese, per cercare di salvare la categoria, dovrà giocarsi il tutto per tutto negli ultimi dieci incontri della stagione, da interpretare come dieci finali, a partire da quella di domenica prossima in casa della diretta contendente Cattolica.

Il tabellino della gara

SANGIUSTESE – MATELICA 0-2 (0-1)

RETI: 10’ pt e 4’ st Peroni.

SANGIUSTESE (4-3-1-2): Chiodini (11’ st Raccio), Zannini, Fabbri, Bambozzi (6’ st Esposito), Patrizi, Scognamiglio, Pandolfi (8’ st De Cerchio), Guadagno, Mingiano, Bardeggia (15’ st Pomiro), Buonaventura, Ercoli (30’ st Romano). A disposizione: Siciliano, Palladini Alessio, Proesmans, Palumbo. Allenatore: Fabio Roscioli.

MATELICA (4-3-3): Urbietis, Visconti, Di Rienzo (17’ st De Luca), Massetti (43’ st Fermo), Pupeschi, Demoleon, Peroni (27’ st Valenti), Bordo (44’ st Colacicchi), Moretti, Leonetti (27’ st Fioretti), Barbarossa. A disposizione: Minerva, Sampaolesi, Staffolani, Bugaro. Allenatore: Gianluca Colavitto.

ARBITRO: 

Sig. William Villa della sezione di Rimini.

ASSISTENTI: Sigg. Federico Linari della sezione di Firenze e Simone Marconi della sezione di Lucca.

NOTE: corner 4-4; ammoniti Esposito, Peroni, Bambozzi, Di Rienzo e Visconti; recupero 2’ + 6’.




© riproduzione riservata