giovedì 19 settembre 2019

scritto da .

Ovidiana-Villa 2015 e Nerostellati-Sambuceto a Raiano a porte chiuse

Ovidiana-Villa 2015 e Nerostellati-Sambuceto a Raiano a porte chiuse Ovidiana-Villa 2015 e Nerostellati-Sambuceto a Raiano a porte chiuse

Per le squadre di calcio arriva una mazzata alla vigilia dell’inizio dei campionati. In base all’articolo 80 del testo unico della legge di pubblica sicurezza è stata stabilita la chiusura delle tribune di diversi impianti non a norma della provincia dell’Aquila. Nell’elenco ci sono le strutture di Pacentro e Raiano chiamate ad ospitare in questo fine settimane le gare dell’Ovidiana Sulmona e dei Nerostellati. Si tratta di una disposizione della Prefettura che adesso dovrà incaricare la Commissione provinciale di vigilanza di eseguire gli appositi sopralluoghi. Il pubblico, in attesa delle verifiche, non potrà accedere. Ovidiana Sulmona-Villa 2015, in programma quest'oggi, e Nerostellati-Sambuceto domenica saranno pertanto a porte chiuse. Se i Nerostellati giocheranno “regolarmente” a Raiano senza pubblico, non potrà fare la stessa cosa l’Ovidiana Sulmona a Pacentro in quanto nella struttura pacentrana mancherebbero alcuni requisiti richiesti per l’agibilità non solo degli spalti ma dell’intero impianto. La dirigenza biancorossa ha chiesto pertanto ospitalità al Cipriani di Raiano. Ovidiana Sulmona-Villa 2015 è stata dunque spostata dal comunale di Pacentro allo stadio di Raiano per domani alle 15.30. La notizia ha sorpreso le società che si sono viste recapitare una disposizione del genere a ridosso della prima giornata di campionato. Sembrerebbe che le direttive per l’adeguamento degli stadi siano state inviate nei mesi scorsi, tramite mail, dalla Questura a tutti i comuni. Il prolungamento dei tempi da parte dei sindaci è dovuto all’impossibilità di avere nell’immediatezza le risorse economiche per far eseguire i lavori. Al fine di giungere ad una soluzione del problema, il sindaco di Raiano Marco Moca parteciperà ad un incontro lunedì mattina alla Prefettura dell’Aquila.

Domenico Verlingieri




© riproduzione riservata