sabato 17 agosto 2019

Promozione

scritto da .

L'Aquila, e ora? Strategie e speranze. Cappellacci resta, Ianni saluta

L'Aquila, e ora? Strategie e speranze. Cappellacci resta, Ianni saluta L'Aquila, e ora? Strategie e speranze. Cappellacci resta, Ianni saluta

Solo questa mattina lo strappo definitivo tra i tifosi che detengono la proprietà dell’Aquila calcio e il gruppo imprenditoriale composto da Iannini, Scopano e Cimini (LEGGI QUI).

E adesso? Da un punto di vista meramente societario l’obiettivo primario è quello di finanziare le casse del club grazie ad una campagna commerciale capillare, affidata in primis ad esponenti della tifoseria organizzata rossoblù e che stava iniziando a dare i primi frutti già in questi pochi giorni addietro, con una raccolta marketing condotta praticamente porta a porta. La speranza è che il tessuto commerciale ed imprenditoriale aquilano recepisca la portata di un progetto praticamente senza padroni e scommetta insieme ai tifosi di sostenere con energie vive la realtà calcistica del Capoluogo d’Abruzzo. E questo almeno finché non bussi alla porta del club un gruppo imprenditoriale solido interessato a rilevarlo. Nel frattempo Mauro Scopano aveva firmato col club un contratto di sponsorizzazione con la sua Aterno Gas and Power, bisognerà ora capire che seguito avrà.   

Dal punto di vista tecnico, invece, l’evoluzione rossoblù racconta di una delegazione di tifosi che si è recata in tarda mattinata da Cappellacci. Al quale è stato comunicato che la proprietà sarebbe andata avanti senza l’apporto dei menzionati imprenditori. E che quindi anche il budget stagionale sarebbe stato ridotto.

Cappellacci, dopo aver ascoltato, ha sposato il progetto da personaggio autentico quale è. Anche a sorpresa, ad onor del vero, vista la consistente riduzione sia del rimborso personale, sia del budget utile a comporre la rosa.    

Oggi pomeriggio intanto agli atleti rossoblù da confermare era stato dato appuntamento da Maurizio Ianni allo stadio Gran Sasso per fare il punto e pianificare il raduno, in programma per domani pomeriggio.

All’appuntamento si è presentata una delegazione della proprietà, che ha illustrato il tutto ai giocatori ed ha riferito che mister Cappellacci sarebbe rimasto nonostante gli ultimi sviluppi. A Cappellacci, affiancato da Paolo Ianni, anche il compito di procedere a stilare la lista delle conferme dei giocatori della passata stagione e di completare la rosa, anche alla luce della rimodulazione del budget a disposizione, decurtato rispetto a quello che era stato ideato solo qualche giorno fa.

A malincuore, invece, si divideranno le strade del club e del responsabile dell'area tecnica Maurizio Ianni, che negli ultimi anni ha svolto un lavoro obiettivamente eccellente, sia in tempo di vacche magre (serie D) che di vacche grasse (Prima Categoria), ma che la proprietà reputa, con rammarico, troppo vicino al gruppo imprenditoriale di Rossi e Iannini.

In corso in queste ore i colloqui personali coi singoli giocatori, per verificare la disponibilità di ognuno a rimanere. Da una prima ricognizione sembrerebbe che di massima quasi tutti avrebbero dato la propria disponibilità a rimanere. Nelle prossime ore le risposte definitive, mentre il raduno slitterà, ovviamente, di qualche giorno.

Domani la proprietà illustrerà tutto in conferenza stampa, nel corso della quale dovrebbe essere presentata anche la campagna abbonamenti, come annunciato dalla pagina Facebook ufficiale del club.

Alessandro Fallocco




© riproduzione riservata