domenica 08 dicembre 2019

scritto da .

Mauro Chiodini continuerà a difendere la porta della Sangiustese

Mauro Chiodini a sx Mauro Chiodini a sx

L’Uomo-Ragno Mauro Chiodini difenderà ancora la porta della Sangiustese.

Il portiere classe 1980, al quarto anno consecutivo in rossoblù, sprizza entusiasmo e motivazioni ancora da tutti i pori, nonostante la sua classe innata e l’esperienza di una carriera più che ventennale, fatta di impegno, professionalità, carattere d’acciaio e gesti dal valore tecnico incommensurabile.

La sua conferma vale quanto un gol, o una delle splendide parate salva-risultato a cui ha abituato i tifosi.

“Alla Sangiustese sono tornato ragazzino – ammette Chiodini – qui si sta bene, ci si sente davvero a casa. Con il presidente Tosoni scherzavamo proprio sul fatto che prima di conoscere lui cambiavo squadra ogni anno, invece questa sarà la quarta volta che ripartiamo insieme”.

“A parte tutto – ha proseguito l’estremo difensore ex Fermana, Frosinone, Lanciano, Sorrento, Montegranaro, Civitanovese, Folgore e Castelfidardo – ogni giocatore secondo me deve avere dentro di sé un sogno. Il mio è quello di migliorare ogni anno e spostare sempre l’asticella dei miei limiti. Il progetto tecnico sposato dalla Società con un mister innovativo come Senigagliesi fa sì che ogni anno, pur nella stessa sostanza, muti qualcosa. Proprio per questo è facile trovare nuovi stimoli ed è sempre bello mettersi alla prova in questa realtà”.

“Nella scorsa stagione, ad esempio – ha concluso Chiodini, 38 presenze su 38 incontri per lui negli scorsi mesi – abbiamo raggiunto un traguardo che noi stessi per primi non ci aspettavamo. Anche quest’anno il primo obiettivo che ci daremo con la Società sarà sempre quello di mantenere la categoria. Sappiamo ogni anno come questo possa essere difficile e il frutto di tanti fattori, poi si vedrà. Ci riempie di orgoglio sapere che in questi anni siamo diventati una Società portata come modello da tante altre che ci studiano e vorrebbero avere il nostro cammino. Alla Sangiustese si respira un calcio vero, pulito, corretto e divertente. Questa è la nostra arma migliore ed il più grande incentivo per ognuno di noi ogni anno”.




© riproduzione riservata