martedì 26 marzo 2019

Prima Categoria

scritto da .

Prima A, analisi della situazione dopo la 25^ giornata

Prima A, analisi della situazione dopo la 25^ giornata Prima A, analisi della situazione dopo la 25^ giornata

Nella 25^ giornata del girone A di Prima categoria,  si denota ancora una volta che se i discorsi che riguardano il primo e l’ ultimo posto siano abbastanza delineati (sicuro è l’ ultimo posto con il ritiro della Virtus Pratola), le lotte per salvarsi e per conquistare la seconda posizione sono più vive che mai.

L’ Aquila, la Promozione e gli scontri diretti.

Ieri a Pescina L’ Aquila ha nuovamente vinto, non con una goleada, ma ha vinto. E ciò era piuttosto pronosticabile visto che di fronte c’ era una squadra organizzata come il Plus Ultra, dove vi è alla base un progetto serio, solido e visti i tanti giovani in panchina, di prospettiva che denota come il settore giovanile sia l’ anima di una società di calcio. Anche in virtù dell’ avversario che aveva di fronte, Cappellacci ha infatti apprezzato l’ atteggiamento proposto dalla sua squadra. Il giusto atteggiamento che dovrà essere una prerogativa indiscussa per i due prossimi impegni che chiariranno ancora di più il discorso primo posto. Il Celano è una squadra in forma (l’ unica imbattuta insieme ai rossoblù nel 2019), e  guai a sottovalutare il San Benedetto per il risultato dell’ andata o per la sconfitta di ieri contro il Pizzoli.

Secondo posto lotta a tre.

E se il club del capoluogo non fosse stato inserito in Prima categoria, e certo che la lotta finale per la vittoria del girone sarebbe stata mozzafiato. Ieri a sorridere è stata un’ altra aquilana: il Pizzoli. La squadra di Pierpaolo Rotili ha dimostrato per l’ ennesima volta di essere una delle più competitive della Prima categoria e non solo del girone, ma d’ Abruzzo. Non capita tutti giorni di vincere al “Manfredo Profeta” , che prima dell’ arrivo dei conquistatori pizzolani, era considerata una roccaforte invalicabile. Il San Benedetto deve cercare di non abbattersi dopo un episodio negativo come è accaduto dopo l’ 1-1 firmato da Piri, visto che la prestazione non è affatto da buttar via così come il lavoro profuso in questa stagione dal tecnico Giordani. Lotta al secondo posto che nonostante l’ importante vittoria di ieri del Pizzoli è sempre una partita apertissima e dove gli stessi lupi possono ancora dire la loro. Il Celano come accaduto la domenica precedente nel 2-2 di Pizzoli, sta dimostrando un ottimo stato di forma, e con un' eventuale vittoria nel recupero di mercoledì contro il Villa, agguanterebbe D’ Agostino e compagni in seconda posizione.  È apparso evidente come nella prima parte di gioco sia mancata una prima punta di ruolo, ora incarnata in maniera perfetta da Mancini, per il momento un acquisto azzeccato. E se non è il bomber castellano a segnare, allora ecco che Mascitti fa capire contro il Tagliacozzo che la porta la vede bene e come.

Lotta nella lotta per il 5° posto play off

C’è poi la cosidetta lotta nella lotta, ossia quella per il 5° posto dove in prima linea ci sono il Plus Ultra, la Federlibertas Bugnara e il Villa San Sebastiano. La sconfitta dei trasaccani a Pescina è stata subito sfruttata dai peligni alla loro terza vittoria consecutiva in campionato. Villa San Sebastiano  vincente contro il San Pelino, che comunque non resta a guardare ed è li a -3 dalle due. Lotta che non deve esserci solo tra loro tre ma anche con la seconda in classifica, vista l’ attuale distanza di 13 punti con il quinto posto che non consentirebbe a una delle tre di poter partecipare ai play off.

Salvezza. Chi può stare tranquillo, chi ancora no.

Posizione tranquille per il Villa Sant’ Angelo e Real Carsoli, a cui si sta avvicinando l’ Atletico Civitella Roveto dopo la vittoria di ieri a Scoppito (ma che ancora non può dormire sogni tranquilli). Lotta ancora aperta per la salvezza per il San Francesco nonostante le due vittorie consecutive che lasciano ben sperare per evitare i play out. Aquilani che hanno scavalcato la Valle Aterno Fossa ora in 12^ posizione, distante 5 punti dai play out. Interessante sarà appunto la lotta per conquistare l’ ultimo posto per la salvezza diretta dove al momento vede contrapporsi il San Pelino, il Genzano, il Tagliacozzo (19) e il Cesaproba e capire se il Barrea ora a 11 punti riuscirà ad avvicinarsi a loro ed evitare il periodo difficile, o se la spunterà attraverso le fasi eliminatorie.  

Pierluigi Trombetta




------© riproduzione riservata