sabato 25 maggio 2019

Promozione

scritto da .

Gir B. Il Sulmona torna alla vittoria con la Val di Sangro (1 - 0)

Gir B. Il Sulmona torna alla vittoria con la Val di Sangro (1 - 0) Gir B. Il Sulmona torna alla vittoria con la Val di Sangro (1 - 0)

SULMONA. L’Ovidiana Sulmona torna al successo e si aggiudica lo scontro diretto con la Val di Sangro nella prima delle due gare casalinghe consecutive. A dirigere il confronto una terna completamente al femminile della sezione di Pescara con l’arbitro Claudia Di Sante Marolli e le assistenti Annalisa Giampietro e Silvia Scipione che prima dell’inizio sono state omaggiate con le mimose dal team manager dei biancorossi Alberto Paolini. Nei padroni di casa siede in panchina l’attaccante Eduardo Cuccurullo per un infortunio rimediato in allenamento, al suo posto Simone Bianchi che si rivelerà il match winner. Negli ospiti sono assenti Di Biase per squalifica e gli infortunati Pasquini e Squadrone.

La gara nei primi minuti non offre sussulti particolari e si arriva al 17′ quando in seguito ad una punizione di Morelli, in area Shala non è incisivo con un colpo di testa parato da Garibaldi. L’esperto estremo difensore ospite due minuti dopo riesce a fermare un’avanzata di Bianchi. Al 25′ i sulmonesi protestano per un tocco indietro di Di Deo con Garibaldi che prende il pallone con le mani. Quasi alla mezz’ora si vede per la prima volta in profondità la squadra di Soria con un diagonale di Torres respinto da Meo. Scivola via senza particolari emozioni il primo tempo che si conclude con alcune proteste della Val di Sangro quando Tosti ferma l’avanzata di Tano con l’intervento del capitano biancorosso che però sembra più da gioco pericoloso che da rigore.

Cambia musica la ripresa con l’Ovidiana Sulmona che si mostra più incisiva ed al 7′ riesce a portarsi in vantaggio grazie ad un’azione di Morelli e Shala con assist di quest’ultimo per Bianchi, il suo destro si insacca all’angolo basso alla destra di Garibaldi per l’1-0 che si rivelerà decisivo. La Val di Sangro prova a reagire ed al 21′ entra l’allenatore-giocatore Peppe Soria al posto di Mastronardi ma i biancoazzurri non avranno gli effetti sperati in quanto sono i sulmonesi a tenere il pallino del gioco. Alla mezz’ora secondo cambio del confronto con l’ingresso nella Val di Sangro di Antonello Rossetti al posto di Luca Caporale mentre la prima sostituzione da parte di Candido Di Felice vede l’inserimento di Aquilio con l’uscita di uno stanco ma applauditissimo Morelli. Aquilio si propone subito con un assist per Bianchi ma riesce a chiudere Garibaldi. Al 39′ azione insistita sulla destra con Shala che avanza e verticalizza per Aquilio, prova a fermarlo Di Deo con l’attaccante peligno che cade a terra dentro l’area ma per Claudia Di Sante Marolli non c’è stato alcun intervento falloso. Subito dopo nell’Ovidiana Sulmona è costretto a lasciare il campo per infortunio Coletti, entra al suo posto Zimei. All’89’ prova una magia su rovesciata Peppe Soria ma la sua Val di Sangro deve accettare amaramente la sconfitta con il ds Nicola Travaglini che alla fine ha annunciato il pugno duro nei confronti dei giocatori con la sospensione dei rimborsi in caso di mancata salvezza. Gioisce invece l’Ovidiana Sulmona che sale dall’ultimo al terzultimo posto riducendo a tre le distanze dalla zona per la salvezza diretta.

IL TABELLINO:

OVIDIANA SULMONA: Meo A., Federico, Di Bacco, Coletti (41′ st Zimei), Badji, Tosti, Shala, Cuccurullo A., Bianchi (47′ st De Vincentis), Morelli (34′ st Aquilio), Del Conte. A disposizione Meo L., Moroni, Del Prete, Biancone, Cantelmi, Cuccurullo E. Allenatore Candido Di Felice.

VAL DI SANGRO: Garibaldi, Mastronardi (21′ st Soria), Caporale M., Carpineta, Rossetti M., Di Deo, Tano, Pili, Torres, D’Orazio, Caporale L. (30′ st Rossetti A.). A disposizione Serrapica, Tracchia, Schieda, Cericola, Saraceni.Allenatore Peppe Soria.

Arbitro: Claudia Di Sante Marolli (Pescara). Assistenti Annalisa Giampietro e Silvia Scipione (Pescara).

Marcatore: 7′ st Bianchi.

Note: ammoniti Di Bacco e Shala (OS); Mastronardi e Caporale M. (VDS).

Domenico Verlingieri




© riproduzione riservata