giovedì 22 agosto 2019

Prima Categoria

scritto da .

L’Aquila la strada è quella giusta. Confronti più duri diranno chi sei

Pizzola, tra i protagonisti del match Pizzola, tra i protagonisti del match

Sarà  che la tribuna dell’ Acconcia è tornata a essere riempita da sostenitori rossoblù. Sarà che il Tagliacozzo non è il Pizzoli. Fatto sta che la gara di ieri e quella d’esordio sono agli antipodi. Si chiedeva una reazione da parte dei giocatori rossoblù, un 9-0 è una netta risposta.

Una risposta a quelle critiche frettolose, che dopo una sola gara avevano messo sotto accusa il gruppo. Ieri L’Aquila ha dimostrato di avere un tasso tecnico importante. Una differenza netta quella tra le due squadre, ammessa da uno sportivissimo Giovanni Carinigi, tecnico del Tagliacozzo. L’Aquila vista ieri era la lontana parente della squadra “ammirata” contro il Pizzoli. La grinta c’ era, il gioco era più scorrevole e l’ 11 stesso sembrava più affiatato e meno confusionario.

Alcuni giocatori inseriti nel loro ruolo più congeniale, hanno particolarmente inciso, Giuseppe Zazzara su tutti.  Gol a parte (bellissimo), l’ ex Capistrello che nella prima giornata non aveva inciso particolarmente come mezzala, ieri tornato a giocare come laterale difensivo, è stato a dir poco impeccabile. Imprendibile sulla fascia, perfetto in fase di possesso, bravo anche a coprire (quelle poche volte che serve).  Stesso discorso per Catalli, il 23 settembre non pervenuto, ieri giocando in una posizione più centrale, si è rivisto quel giocatore che stupiva ai tempi del Chieti e del Paterno. Anche Carosone impacciato come falso nove, ieri sull’ esterno ha disputato una gara esemplare. Il tridente stesso ieri si è mosso particolarmente bene, Pizzola su tutti. C’è di tutto nella prestazione dell’ ex Sulmona: sacrificio, sostegno alla manovra, assist e gol. Ottimo anche Torre, apparso poco incisivo nelle amichevoli contro il Paterno e contro la Berretti del Teramo, contro il Tagliacozzo ha messo in mostra il suo spessore in fase realizzativa.

Bella partita, ma le parole di mister Cappellacci nel post gara sono emblematiche. Non è scontato che la squadra ammirata ieri sia definitivamente la vera l’Aquila.  Così come è stato troppo affrettato criticare la squadra dopo una sola partita, così è prematuro definire L’Aquila una schiacciasassi. Il Tagliacozzo, a cui va l’ onere nel valorizzare giovani di prospettiva, aveva quasi l’ età media di una Juniores. A eccezione di Maurizi (classe ’88), Di Giovambattista (’95) e del classe ’96 Vitale, nell’ 11 marsicano figuravano quattro classe ’99, tre ’98 e un 2000. Per non parlare della panchina, composta da due 2001 (Ruggieri e Benmoula) e un 2002 (Pascucci).

Per tali ragioni, il turno infrasettimanale contro il Villa Sant’ Angelo – squadra collaudata e con giocatori di esperienza nella categoria, reduce da una larga vittoria all’ Ezio Ricci contro la Virtus Pratola- sarà un test molto interessante. L’auspicio è che nel corso del campionato, L’Aquila riesca ad applicare con costanza la prestazione enunciata nella giornata appena passata. La speranza è che il Gran Sasso Acconcia diventi il degno erede del Biondi di Lanciano: un teatro del gol.

Pierluigi Trombetta




© riproduzione riservata