lunedì 21 maggio 2018

Eccellenza

scritto da .

Lo Spoltore rende omaggio ai tifosi:'Grazie per le emozioni che ci avete fatto provare'

Lo Spoltore rende omaggio ai tifosi:'Grazie per le emozioni che ci avete fatto provare' Lo Spoltore rende omaggio ai tifosi:'Grazie per le emozioni che ci avete fatto provare'

Infinitamente grazie”. Inizia così la mail inviataci dal capitano dello Spoltore Calcio,Daniele Di Camillo, che scrive a nome di tutti i calciatori e dello staff azulgrana, che solo due giorni fa hanno sfiorato l’impresa nella finalissima play off di Pineto contro il Paterno.

E’ il minimo che possiamo dire per l’emozione che ci avete fatto provare nei cinque giorni tra Chieti e Pineto. Questo campionato è iniziato tra lo scetticismo generale, ma non il nostro. Eravamo consapevoli della nostra forza. Abbiamo affrontato un campionato nuovo per tanti di noi. Molti non riuscivano a far capire la nostra reale forza rapportata a quella degli altri. Abbiamo passato periodi duri, difficili, ma non abbiamo mai minimamente pensato di mollare. 

Tutti i sacrifici fatti sono stati ripagati da questi MERAVIGLIOSI cinque giorni durante i quali ci avete fatto sentire la vostra vicinanza, il vostro calore, l’attaccamento a questi colori che sono diventati per noi una seconda pelle. Domenica ci avete sostenuto dal riscaldamento fino al 120esimo di una partita che poteva diventare un sogno, ma che il destino ha voluto rimanesse tale. Ma noi della squadra e dello staff chiediamo a tutti voi che questo sogno diventi realtà il prossimo anno, tutti insieme dalla prima all’ultima giornata. Lo meritiamo noi, lo meritate voi, lo merita questa FANTASTICA società sempre presente e sempre disponibile a ogni nostra minima richiesta. Ancora grazie di tutto perché da ieri ci sentiamo tutti un po’ spoltoresi. 
Forza Azulgrana

Dopo gli importanti risultati di Loris Masciovecchio, che ha condotto la squadra dalla Terza Categoria fino alla Promozione, sulla panchina azulgrana è arrivato un tecnico esperto e navigato: Donato Ronci, che ha contribuito, non poco, alla definitiva crescita e maturazione della squadra. Le ultime due stagioni sono state le più esaltanti per il calcio spoltorese. Infatti mai nessuna formazione della nostra città era riuscita infatti ad andare oltre la Prima Categoria. Centotrentotto punti conquistati in due stagioni. Una promozione e la finale di Coppa Italia persa solo alla lotteria dei rigori contro il Giulianova lo scorso anno. Due Coppe Disciplina consecutive. I play off di quest’anno, con la vittoria di Chieti e il pareggio a reti bianche contro il Paterno, che hanno condannato lo Spoltore solo per la peggior posizione in classifica rispetto ai marsicani. E poi ancora l’esaltante vittoria del campionato Juniores di Piero Zuccarini, vice storico di Ronci, con numeri da record e la definitiva consacrazione di due  giovani di proprietà con un grande avvenire: Daniel D’Intino e Fabrizio Grassi. Ma anche il coraggio di lanciare altri giovani arrivati quest’anno come VeraDi Marco, Gentileschi e Buonafortuna. A ciò si aggiunge il progetto della creazione di un importante settore giovanile in collaborazione la Renato Curi Pescara.

Merito della società e dello staff tecnico che fa capo all’allenatore di Santa Teresa, che aggiunge:

Ringrazio tutto il direttivo di questa splendida società per la fiducia accordata a me e al il mio staff e ai miei ragazzi. Il fatto che abbiano voluto pagare una mensilità aggiuntiva, dopo il raggiungimento dei play off, la dice tutta sul valore umano di queste persone. Vorrei spendere due parole per i miei  calciatori, che sono stati grandiosi. Ci hanno messo l’anima fino alla fine delle loro forze. Il mio staff  è stato fondamentale sotto tutti i punti di vista. Infine un menzione di merito speciale ai tifosi che si sono avvicinati a noi in una maniera unica e forse anche inaspettata. Averli portati in massa a Pineto è  stata la nostra più grande vittoria”. 

Ma le parole pronunciate dal tecnico spoltorese nel post-partita di Pineto lasciano ancora qualche dubbio sul suo futuro. Infatti alla nostra domanda se resterà anche il prossimo anno, lapidaria è stata la sua risposta: “Dovrò parlare con il presidente perché il nostro è un rapporto importante che va al di là del calcio. Poi incontrerò la società ed insieme decideremo cosa fare“.

www.spoltorenotizie.it

Costantino Spina




------© riproduzione riservata