lunedì 10 dicembre 2018

Eccellenza

scritto da .

Eccellenza. La presentazione della 21^giornata

Eccellenza. La presentazione della 21^giornata Eccellenza. La presentazione della 21^giornata

Archiviata la Coppa Italia, in Eccellenza è di nuovo campionato. Il torneo propone il turno numero 21. La capolista Real Giulianova, dopo l'incrocio di mercoledì, affronterà, in una delle gare più interessanti di giornata, ancora lo Spoltore. Non prive di attenzioni la sfide tra Martinsicuro-RC Angolana e Torrese-Sambuceto. Il Chieti riceve l'Amiternina. Paterno ospite del Montorio. In coda incrocio tra 4 quattro delle 6 compagini in lotta per la salvezza. Spiccano infatti Cupello-River Chieti 65 e, soprattutto, Miglianico-San Salvo. 

La capolista Real Giulianova, al Fadini, attende la visita dello Spoltore (secondo incrocio dei tre in programma in 15 giorni). Piccioni punterà ancora sul 3-5-2. Davanti, in coppia col capocannoniere del torneo, Di Paolo (15 reti, di cui 11 reti nelle ultime 10 gare), dovrebbe agire Tozzi Borsoi (due doppiette di fila, 19'e 20'giornata più la rete in Coppa), con Vitelli pronto ad inserirsi a gara in corso. In terza linea Di Lallo (o Borghetti)-Fuschi e Lanza (2 reti nelle ultime 8 gare) a formare il trio difensivo; capitan Del Grosso, che sembra vivere una seconda giovinezza, e Flavioni sugli esterni. In mediana, accanto a Lenart potrebbe agire ancora Pagliuca, senza dimenticare Francia, che andrebbe a dare respiro a Girolamo D'Alessandro. Vincere per proseguire la marcia in testa. In casa Spoltore, 24 punti nelle ultime 14 gare (che viene da tre stop di fila), Ronci non potrà fare affidamento su Ewanisha. Il tecnico in terza linea punterà su Sbaraglia ed uno tra Buonafortuna e Mottola. A centrocampo chiavi affidate a Di Camillo, che potrebbe agire con Paquito e Zanetti. Tra i pali torna Gentileschi. L'estremo difensore sarà protetto Vitale e D'Intino sugli esterni. Davanti "il Sindaco" Grassi (5 reti in 20 gare), potrebbe essere supportato da Sparvoli e Nardone, con  Sanchez (6 reti nelle ultime 6 gare) e Petre (2 reti in 4 gare dal suo ritorno) pronti per essere gettati nella mischia. Con un successo la band di Sabatino Pompa potrebbe tornare in zona play off.

All'Angelini il Chieti attende la visita dell'Amiternina. In casa neroverde, davanti a Salvatore, potrebbero essere ancora Ricci e Leone ad agire sugli esterni; in mezzo De Fabritiis e Giannini. Mediana con Simonetti, Sassarini e Margarita. Davanti con Lalli (13 reti in 20 gare con tre rigori realizzati nelle ultime 4 giornate) potrebbero agire Calderaro (pericoloso nell'uno contro uno) e Bordoni, senza dimenticare Catalli ed il nuovo acquisto Zawko. Il Chieti punterà al bottino pieno per restare in scia, o accorciare, sul Giulianova. Tra gli aquilani, invece, il trainer Angelone non potrà disporre della punta Terriaca e di Morra, mentre sono in dubbio le presenze di Romano e Santirocco. Probabile un 3-4-3 con Di Francia, Santilli e Marino Di Alessandro in terza linea. Mediana con Tinari e Antenucci esterni; in mezzo favorito il duo Di Norcia-Salvi. Davanti spetterà a Mazzaferro tenere il peso dell'attacco. Pronostico a favore dei teatini, ma l'Amiternina, in questa stagione, ha dimostrato di essere squadra imprevedibile. Far bene per restare in scia delle compagini che la precedono. Questi i propositi degli scoppitani. 

Reduce da 7 punti raccolti nelle ultime 3 gare, il Martinsicuro, vice-capolista al pari del Chieti, attende al Tommolini la visita della RC Angolana. I truentini (unica compagine imbattuta in casa, miglior difesa casalinga, con 5 reti subite), che vengono da 9 successi nelle ultime 12 gare, si affideranno a Cucco e De Cesaris al centro della difesa, con Ferrari e Ferretti sulle corsie laterali. In mediana sicuri Carboni e Pietropaolo; per completare il reparto Lattanzi favorito su Fiscaletti. Maio guiderà l'attacco, con Nepa e Di Giorgio che, molto probabilmente, agiranno al suo fianco. Bellini pronto ad entrare a gara in corso. Pur avendo nella salvezza il primario obiettivo stagionale, i biancazzurri si stanno confermando sui livelli dello scorso campionato. In casa RC Angolana (9 punti nelle ultime 6 gare), dopo il k.o. interno col Chieti, c'è voglia di riscatto, anche se, va detto, la band di Città Sant'Angelo può essere definita la compagine rivelazione di stagione. Il tecnico Rachini dovrà rinunciare ancora a Nazari, al quale si è aggiunto lo squalificato Massa. In terza linea confermata la coppia centrale D'Alonzo-Legnini, con Fabrizi e Maloku sulle corsie laterali. Al centro dell'attacco potrebbe tornare Rozic, con l'ultimo arrivato Sablone (1 rete in 3 gare) e Ruggieri (5 gol in 19 gare) a completare il tridente offensivo. Mediana che vedrà Farindolini (possiamo dire calciatore di categoria superiore), Cipressi e Maiolo (2 reti ultime 3 turni). Anche i nerazzurri di Città Sant'Angelo, in caso di successo, potrebbero riproporsi in zona play off. 

Sotto le pendici del Gran Sasso il Paterno di Torti farà visita al Montorio 88. Tra i marsicani, ancora a lavoro sul mercato, non saranno della disputa lo squalificato Baraldi e Celli (infortunato). In dubbio Giglio. I nerazzurri (terza forza del torneo a-7 dalla vetta) ritrovano Di Giovanni, che agirà da play con al fianco Albertazzi e Della Penna, tra i più in forma (autore di 5 reti), senza dimenticare Miocchi. In caso di 4-4-2 Franchi largo. Davanti, in caso di forfait del già citato Giglio (9 reti in 20 gare),potrebbero agire Lepre e Gaeta, senza dimenticare il giovane Sannito, che ha esordito col Cupello. In terza linea Di Stefano e Tabacco centrali, con Rinaldi padrone della fascia destra e Falcone (o Iaboni) dirottato sull'altro binario. Il Paterno andrà a caccia dei tre punti per restare agganciato alle posizioni di vertice. In casa giallonera il trainer Cipolletti potrebbe affidarsi o al 3-5-2 delle ultime settimane o ad un 3-4-3. In terza linea torna Marini, che agirà con Durante e Zurita Gomez. Mediana con Daniele Gizzi e Maselli (in dubbio) sugli esterni, con Colacioppo ed uno tra Pavone e Cerasi in mezzo. Davanti, con Ndiaye e Ridolfi, potrebbe agire Lombardi, con Baldassarre pronto a dire la sua. Le api, 6 punti nelle ultime 4 gare, daranno la caccia ai tre punti, che potrebbero consentire anche l'uscita dalla zona play out.  

Interessante la sfida di Castelnuovo Vomano, tra Torrese, reduce dal successo in coppa Italia sul Chieti, e Sambuceto. Il tecnico di casa Narcisi dovrebbe optare per il collaudato 3-5-2, con Mariani-Stacchiotti (8 reti di cui 5 dal dischetto) e Cristofari a comporre il trio di centrali difensivi; per quanto concerne gli esterni, invece, in tre per due maglie: D'Orazio, Casimirri e Cichetti. Mediana che vedrà Puglia, Ricci (o Tini) e Kruger. Out Scartozzi. Davanti dovrebbero essere Torbidone (3 reti nelle ultime 11 partite) e Carosone a partire titolari, con Gianluca De Sanctis pronto a dire la sua a gara in corso. Vincere per rafforzare la propria posizione in zona play off; questo l'obiettivo della Torrese. Il Sambuceto (2 punti nelle ultime 4 gare), proverà a riscattarsi e rientrare nella zona play off, anche se il torneo sinora disputato è da considerasi sopra le righe. Mister Tatomir, che non avrà a disposizione Aristei, può comunque contare su una squadra "collaudata". Fari puntati ancora una volta sui vari Potacqui (schierato dientro le punte), Maraschio (in rete dal dischetto per due gare di fila), che dovrebbe agire con Simone Antonacci (5 gol in 19 gare) ed il giovane Camperchioli, oramai non più una sorpresa, al pari di Gelsi. Terza linea con il duo D'Amico-Conversano, con Spinello e Gentile dirottati sugli esterni. Mediana con Beniamino, Tuzi e Gelsi. I teatini, ad un punto dalla zona play off, in caso di successo tornerebbero tra le prime 5 della graduatoria.

Tra le sorprese stagionali, sicuramente, l'Acqua&Sapone (2^miglior difesa casalinga con 6 reti al passivo e reduce da 18 punti nelle ultime 8 gare, di cui 13 nelle ultime 5). I verdeoro, al Galileo Speziale, attendono la visita dell'Alba Adriatica. Del Gallo dovrà fare a meno di Musto e Miccoli, oltre al lungodegente Minutolo. Nel 3-4-3 schierato dal trainer, davanti a Palena, dovrebbero agire Di Biase (2 rigori fruttati 6 punti nelle ultime due giornate), Bassano e Marcedula; mediana, probabile, con Colantoni e Corvini (o Papagna) sugli esterni; in mezzo Maiorani agirà con Marrone, senza dimenticare Nikolas Di Donato, pronto a dire la sua. Davanti, ai lati di Isotti, Petito (7 reti in 19 gare di cui 3 nelle ultime 5 gare) e Di Cerchio. Per i verdeoro gli attuali 31 punti rappresentano il record nel massimo torneo regionale. In casa rossoverde D'Eugenio, ritrova Emili e Di Sante, ma dovrà fare a meno di Calvarese. Terza linea che, al centro, vedrà uno tra capitan Sacchetti e Casimirri. In caso di utilizzo di quest'ultimo di fianco a Fabrizi, sull'esterno potrebbero agire Palazzese e Picone. Veccia, Foglia e Di Nicola cerniera di centrocampo. Alle spalle del duo Di Sante-Miani (9 reti in 20 gare) il già citato Emili. Gli albensi andranno a caccia dei tre punti nel tentativo di posizionarsi a centro della graduatoria, in una tranquilla posizione. 

Il Capistrello, dopo i successi ottenuti con Spoltore, RC Angolana e Amiternina (unica compagine insieme a Chieti ed A&S ad ottenere tre successi di fila), attende sul sintetico rovetano il Penne. Il trainer Iodice punterà ancora sul tridente offensivo formato da Leccese (12 reti in 20 gare), Mercogliano (4 gol in 7 partite), e un ritrovato Vinicio Paris (4 reti in 10 gare, di cui 2 di fila, contro Angolana e Amiternina). Terza linea con Berardi e Venditti sugli esterni, mentre in mezzo potrebbero giocare Antonelli e Luca De Meis. A centrocampo, con Bolzan (miglior uomo assist della squadra), torna capitan Edoardo De Meis. Quest'ultimi giocheranno di fianco con uno tra D'Eramo e Stefano Fantauzzi. Al di là dei nomi importanti, va detto, la compagine rovetana è tra le più giovani del torneo; contro Angolana e Amiternina, infatti, i granata hanno chiuso rispettivamente con 7 e 6 fuoriquota in campo. In caso di successo, i rovetani, potrebbero piombare in zona play off. Nel Penne (18 punti nelle ultime 13 gare) mister Giandomenico dovrà fare a meno dello squalificato Reale. Davanti fari puntati sul tridente di fuoco formato da Cacciatore (8 reti e miglior uomo assist del campionato), Rodia (8 reti in 16 gare) e Di Ruocco (in gol col Miglianico). Terza linea che vedrà al centro Zeetti e D'Addazio, con Ballanti, Camporesi ed il giovane Manocchia ('99) a giocarsi due maglie sugli esterni. Mediana con Donatangelo e Savini, ai quali il tecnico potrebbe affiancare l'arretrato Coletta, senza dimenticare Iannascoli. I biancorossi (a -8 dai play off) andranno a caccia del bottino pieno per rilanciarsi in classifica.

Dopo lo stop di Paterno (causa 5 minuti di black out), il Cupello attende tra le mura amiche il River Chieti 65. Il trainer Carlucci non avrà a disposizione Quaranta, ma ritroverà Simone Tucci e Bruno. In terza linea di fianco a Benedetti torna capitan Giuliano, con De Cinque ed il già citato Bruno sugli esterni. In mediana, Progna, Simone Tucci e Napolitano. Per scardinare la retroguardia ospite, il tecnico alto vastese punterà su Pendenza e Ninte, che potrebbero giocare con D'Antonio. Con un successo, i rossoblù, visti anche gli impegni ostici delle rivali alla corsa salvezza, potrebbero allungare proprio sulla zona play out. Tra i rosanero teatini, il collega Marchetti perde per squalifica Criscolo, Marcelli e Di Renzo. In difesa, di fianco Feragalli, potrebbe agire Di Pasquale. Centrocampo con Barbarossa, Dema e Scariti. Davanti Ciarfella, Antignani ed uno tra Federico e Bassi. In caso di tre punti il River avvicinerebbe il quintultimo posto. 

Chiudiamo con la sfida-salvezza tra Miglianico e San Salvo. Gialloblù che per la prima volta in stagione possono contare su tutti gli effettivi a disposizione. Il trainer Savini al centro della difesa punterà su Cinquino e Grossi, con Martelli e Alberico sulle corsie laterali. Centrocampo affidato a capitan Battista, ad uno scatenato Marfisi (unico al pari di Di Paolo ad aver realizzato una tripletta) e Giandonato. Davanti Orta sarà supportato da La Selva (miglior uomo assist dei teatini) e probabilmente da Di Moia, con Palombaro, Di Muzio e Morelli pronti a dire la loro a gara in corso. Con un eventuale successo il Miglianico potrebbe raggiungere la quartultima posizione. Tra i rivieraschi, Sgherri, ritrova capitan Felice, che al centro della difesa potrebbe disporsi con Seye Mame; in alternativa Maccione e Luongo. Sugli esterni potrebbero andare Izzi ed uno tra D'Adamo e Ramundo. Mediana con Sendin, Tafili ed uno tra Di Pietro ed Evangelisti (in dubbio). Davanti dovrebbe riprendere il suo posto Dema (6 centri in 18 gare). Con quest'ultimo potrebbero agire Molino ed uno tra Colitto e Polisena, con Arciprete pronto a dire la sua a gara in corsa. Niente calcoli: per alimentare le speranze salvezza e accorciare proprio sul Miglianico, penultima forza del torneo, servono i tre punti.




------© riproduzione riservata