giovedì 24 agosto 2017

Terza Categoria

scritto da .

Poggio Picenze non iscritto, parla Mister Di Meo: ‘Provo profondo dispiacere, Poggio è stata la mia seconda casa’

Poggio Picenze non iscritto, parla Mister Di Meo: ‘Provo profondo dispiacere, Poggio è stata la mia seconda casa’ Poggio Picenze non iscritto, parla Mister Di Meo: ‘Provo profondo dispiacere, Poggio è stata la mia seconda casa’

Dopo il Comunicato Ufficiale del Poggio Picenze sulla sua non iscrizione al prossimo Campionato di Terza Categoria (leggi qui per approfondimenti),  arriva il comunicato del proprio tecnico Marco Di Meo. Il Poggio sotto la guida di Di Meo, approdato negli ultimi giorni di gennaio, ha totalizzato la bellezza di 31 punti primeggiando il Girone di ritorno. Importanti  per la disputa dei play off furono le vittorie in quel di Raiano contro l’ Aurora e la Ferroviaria Amatori, storica fu la conquista del Pallozzi di Sulmona contro l’ Ovidiana, che da li a poco si laureò campionessa del Torneo.

 In Di Meo si evince sconforto e amarezza: “Non ci sono parole per poter descrivere il mio dispiacere per questa sofferta decisione presa dalla società del Poggio Picenze. Mi sono sentito come a casa, venire sul campo comportava dei grandi sacrifici, ma la passione verso questo sport, era e resterà  più forte. Voglio ringraziare tutti la società, Presidente, Dirigenti, giocatori, le tifose e il sempre presente signor Mario!- Commenta così il tecnico la notizia della non iscrizione al Campionato della sua squadra, continua facendo un’ analisi sulla situazione attuale del calcio aquilano- “Volevo dire che in un momento di grande difficoltà per il calcio aquliano e nazionale , c’è chi chiede 4000 euro per un campo, 2400 euro  per l’iscrizione al Campionato di Terza Categoria e  alcuni giocatori che nelle prime tre categorie pretendono cifre che poi diventano un mattone per le società. È inutile cercare di lucrare per rincorrere il Dio denaro, è proprio quel Dio denaro che attira, inganna e poi abbandona! Io amo il calcio, e spero chi di dovere capisca che il mio miglior amico è malato…

Un grazie di cuore a tutta la redazione.”

Marco Di Meo

© riproduzione riservata