sabato 21 ottobre 2017

Serie D

scritto da .

Monterosi - L'Aquila, Battistini: 'Impresa straordinaria e vittoria meritata. L'Aquila come l'araba fenice'

Battistini con l'addetta stampa Rosone Battistini con l'addetta stampa Rosone
C'è tensione a fine gara negli spogliatoi del campo sportivo di Monterosi. Da quello rossoblù provengono cori, quello laziale trasuda rabbia e delusione. 
Dopo qualche attimo di concitazione, mister Battistini arriva in sala stampa. "Una vittoria strepitosa e meritata - ha iniziato il tecnico rossoblù - Il Monterosi qui aveva perso solo due volte. I ragazzi hanno fatto un'impresa straordinaria, considerando le condizioni da cui veniamo. Pupeschi si è rotto un dito ma è rimasto in campo, è indice di una squadra che in un contesto di incertezza stia facendo cose straordinarie. 
Nel calcio perdere non aiuta mai. Vincere invece aiuta a ricreare entusiasmo - continua Battistini a cui ancora tremano le mani per la tensione - Le palle ferme? È il calcio di maggio. Fortunatamente abbiamo giocatori importanti da questo punto di vista. Facile fare i complimenti a Minincleri, ma un elogio a tutto il gruppo che aveva ancora voglia di riscatto dopo la sconfitta in campionato di gennaio. 
Perché sono stato allontanato? Un giocatore mi ha insultato, ho risposto e l'arbitro ha buttato fuori me - racconta Battistini che poi battibecca anche col presidente Capponi - Seguire la squadra dal settore ospiti nel secondo tempo è stata una sofferenza enorme, ma questa squadra è come l'araba fenice, perché è risorta dalle sue ceneri. Il Rieti? Noi siamo degli intrusi in questi play off e da intrusi ce li giocheremo, in maniera serena e determinata".
 
"Già sto pensando al futuro - esordisce il presidente Capponi, che poi però se la prende con l'arbitro - L'arbitro con cui abbiamo perso oggi è lo stesso con cui abbiamo perso a Rieti. L'Aquila ha avuto giuste punizioni dal limite, ma c'erano altrettanti episodi per noi. Saranno state disattenzioni, ma tant'è. Guardate le immagini, c'è un rigore clamoroso per un fallo di mano nel primo tempo. Ripeto, in buona fede da parte dell'arbitro, ma tant'è. Ad onor del vero, comunque, non abbiamo fatto la nostra partita migliore. Non posso dire che L'Aquila non abbia meritato di vincere, ma sono certo che senza distrazioni arbitrali sarebbe stato un pareggio. Da dove si riparte? Vedremo, valuteremo l'ipotesi ripescaggio perché la speranza c'è. D'Antoni? Per amore senz'altro, professionalmente valuteremo". 
 
PER ASCOLTARE LE DUE INTERVISTE INTEGRALI CLICCA SUI FILE AUDIO IN BASSO
© riproduzione riservata

  • presidente Capponi, Monterosi
  • mister Battistini