martedì 27 giugno 2017

Terza Categoria

scritto da .

Giallo d’espulsione: invece di Rossi del Capestrano squalificato Alosi dell’Ovidiana

Giallo d’espulsione: invece di Rossi del Capestrano squalificato Alosi dell’Ovidiana Giallo d’espulsione: invece di Rossi del Capestrano squalificato Alosi dell’Ovidiana

Giornata movimentata oggi in Federazione. A seguito del Comunicato n° 40 della Delegazione provinciale di L’Aquila (clicca qui per leggerlo) ben tre società: Ovidiana, Poggio Picenze e Capestrano, di sono allarmate vedendo squalificato per una giornata Orazio Alosi, dell’Ovidiana, al posto di Rossi del Capestrano.

Nella gara di spareggio di domenica scorsa, vinta dall’Ovidiana per 0 a 1, che ha così centrato l’obiettivo promozione in Seconda Categoria (clicca qui per leggere l’articolo sulla gara), nei minuti finali è stato espulso dal direttore di gara Rossi del Capestrano. Espulsione di cui noi, assieme ad oltre 400 spettatori, con tanto di immagini video (clicca qui) siamo stati testimoni. Ma qualcosa non deve essere andato per il verso giusto nella macchina burocratica della FIGC: errore di compilazione dell’arbitro, svista del giudice sportivo, o di trascrizione, chissà ed ecco che invece di figurare sul Comunicato n° 40 di giovedì, Rossi del Capestrano c’è la squalificato per una giornata di Orazio Alosi dell’Ovidiana. Telefono calco in giornata in FIGC con le sacrosante lamentele dell’Ovidiana, che vedeva sanzionato un proprio giocatore senza che avesse fatto nulla e del Poggio Picenze, prossimo avversario del Capestrano nei play off che avendo assistito in diretta all’espulsione si sarebbe ritrovato Rossi in campo nella giornata di domani. Nell’empasse che si è creata dovrebbe aver sbrogliata la matassa la chiamata del Capestrano in FIGC, che con grande signorilità e massimo rispetto dei principio di lealtà, ha confermato l’avvenuta espulsione di Rossi.

Ora la risoluzione del “giallo d’espulsione” è nelle mani della FIGC che dovrà trovare, in base alle carte Federali, la soluzione meno indolore per questo errore di distrazione. 

© riproduzione riservata