mercoledì 13 dicembre 2017

Promozione

scritto da .

Real Tre Ciminiere. Il 'Panzer' Sorricchio racconta la Promozione

Real Tre Ciminiere. Il 'Panzer' Sorricchio racconta la Promozione Real Tre Ciminiere. Il 'Panzer' Sorricchio racconta la Promozione

E' la prima arrivata nella famiglia del campionato di Promozione nella stagione in corso, noi di Atuttocalcio.tv non possiamo non dare il benvenuto al Real Tre Ciminiere, piccola realtà nata nel 2001 e che domenica ha festeggiato lo storico approdo nel secondo campionato regionale più importante.

61 punti totalizzati in 26 gare finora disputate, 19 vittorie, 5 pareggi e solo due sconfitte, è questo l'invidiabile cammino dei verdi-bianco-rossi che hanno battagliato con l'Elicese seconda a quota 51 punti. Sin dalle prime giornate sembrava che proprio quest'ultimi fossero la vera squadra da battere nel girone E, probabilmente fino all'arrivo a Gennaio, alla corte di mister Alfredo Di Marzio di Fabio Sorricchio.

Il "Panzer" dall'indiscusso passato calcistico ma soprattutto dall'indiscusso fiuto del gol si è preso in soli quattro mesi la palma di capocannoniere realizzando 20 reti in sedici gare. Un vero cecchino che sembrava aver appeso le scarpe al chiodo fino a quando la proposta del presidente Fabio Di Febbo lo ha portato ad accettare l'ennesima sfida della sua carriera.

"E' vero avevo smesso di giocare, vinto il campionato con l'Hatria lo scorso anno avevo abbandonato, poi a Gennaio mi sono buttato nel progetto Real Tre Ciminiere, chiarendo però sin da subito l'impossibilità di potermi allenare con continuità ed essendo utile alla causa solo la domenica in gare ufficiali. La società a sua volta mi ha dato l'ok ed ora eccoci quì a festeggiare quest'altro bellissimo obiettivo raggiunto".

Non solo in campionato, il Real di mister Di Marzio dopo la promozione raggiunta con ben tre giornate d'anticipo, è anche in lotta per guadagnare l'eventuale finale di Coppa Abruzzo e bomber Sorricchio è pronto ad "affilare" i tacchetti.

"Adesso però è giusto lasciare spazio ai giovani, è giusto che anche loro abbiano la possibilità di far vedere le loro potenzialità. Testa alla Coppa e in caso fosse necessario tornerò a giocare per l'eventuale finale.

Dedico questa bella vittoria a mia moglie e mia figlia che mi hanno in primis spinto a rimettermi in gioco e a tornare in campo".

------© riproduzione riservata