sabato 24 agosto 2019

Serie D

scritto da .

Teatrino L'Aquila, Ranucci risponde a Morgia: 'Italia paese delle dimissioni minacciate ma non date. I sacrifici devono farli tutti'

L'Ad rossoblù, Antonio Ranucci L'Ad rossoblù, Antonio Ranucci

A poche ore dal comunicato di mister Morgia, giunge in redazione anche il comunicato stampa dell'amministratore delegato rossoblù Antonio Ranucci, per dire la propria dopo sulla vicenda che sta animando la settimana.

Ne riportiamo integralmente il testo.

"E’ il mio 4^ Campionato,  sia pure in epoche diverse,  qua a L’Aquila;  non ho mai rilasciato una sola intervista perché preferisco il lavoro oscuro dietro le quinte ed in questa  occasione, visto che qualcuno mi ha tirato in ballo, mi limito ad affidarmi ad un comunicato stampa.

Sono tornato a L’Aquila con molto entusiasmo,  lasciando tra l’altro e poco elegantemente dalla mattina alla sera un altro incarico sempre in ambito calcistico che avevo, ma ho purtroppo ritrovato dopo tre anni di assenza una Società dilaniata sotto ogni punto di vista.

Ho, forse incoscientemente,  avuto coraggio, ho assunto la carica di Amministratore Unico ed ho affrontato ogni  giorno difficoltà economiche indicibili di ogni genere e tipo, assumendomi insieme al Direttore Generale, professionista del quale questa Società deve solo che andare fiera quanto meno per attaccamento e passione, responsabilità che andavano sicuramente oltre quelle del ruolo ricoperto.

Ora, dopo quasi due anni, grazie ad una Proprietà seria disponibile e responsabile, si può orgogliosamente affermare che L’Aquila Calcio  non è più una vettura fuori controllo che sbanda paurosamente, bensì un sodalizio che si è dato una struttura e fisionomia e che,  pur tra innegabili e persistenti enormi difficoltà, a volte in cassa non ci sono le risorse neppure per le più elementari necessità ed il sottoscritto e il Direttore Generale non esitano a frugare nelle loro proprie e personali tasche, per non dire di qualche firmetta bancaria… , e questo per non assillare troppo i Soci il cui generoso e costante sostegno ha comunque consentito di imboccare una via ora ben tracciata, anche se ancora lunga, che porterà di certo ad un risanamento societario.

Non mi occupo di questioni tecniche ma ho una grande passione per la squadra, non mi perdo una sola partita sia dentro che fuori, sono addirittura andato a Sassari prima di Natale per mio conto e febbricitante prendendo l’aereo la stessa domenica mattina, ho gioito per la vittoria e così farò anche domenica prossima per Lanusei.

Non so cosa darei per vincere questo campionato oltre che per rispetto del corposissimo e quasi insostenibile investimento affrontato anche perché sono certo che la Lega Pro faciliterebbe l’opera di risanamento per la quale spesso sono anche costretto a mostrare… i muscoli.

Ho letto da qualche parte di “campane a morte” ma per favore ….

Al fischio finale della partita con il Rieti tanta era la tensione personale che avevo accumulato che stavo per sentirmi male! La conduzione tecnica di questa società è sicuramente eccellente, ma dopo 40 anni di calcio, forse anche in certe circostanze ad un certo livello, una mezza idea di come funziona il giochino me la sono fatta. Ognuno deve sapere interpretare il proprio ruolo e quello dell’Amministratore è di curare e difendere gli interessi della Proprietà anche quando questa, pur a fronte di investimenti onerossissimi e che consentono comunque a L’Aquila Calcio una gestione giornaliera accettabile, è in palese difficoltà.

Una piccola chiosa l’Italia è il paese delle dimissioni minacciate e mai date, il sottoscritto all’Assemblea dei Soci del 28/12/2016 tra i punti all’ Ordine del Giorno  indicò chiaramente dimissioni dell’Amministratore, senza però  fare proclami o rendere pubblica la cosa.

Furono respinte e l’affetto dimostrato dai Soci in quella occasione mi indusse, e forse ancora una volta incoscientemente,  a ritirarle.

A mio avviso, se vogliamo veramente risanare L’Aquila Calcio e se a questa vogliamo veramente tutti bene, i sacrifici devono farli ognuno di noi .

Come diceva il compianto Guido Attardi “ jù Padreterno ci ha fatto due mani una per prendere e l’altra per dare e bisogna saperle entrambe usare contemporaneamente.”




© riproduzione riservata